Ricordando don Roberto Sardelli

image_pdfimage_print

Ricordando don Roberto Sardelli

Don Roberto Sardelli è tornato alla Casa del Padre.
Sacerdote, maestro e scrittore vicino ai più umili, si è battuto per il riscatto esistenziale e morale dei baraccati di Roma, dopo essersi avvicinato alla pedagogia di don Lorenzo Milani. Ciò lo ha portato, tra l’altro, alla fondazione della “Scuola  725”, dal numero della baracca che la ospitava, nella zona lungo gli archi dell’ Acquedotto Felice, dove c’era un nutrito insediamento di baraccati. 
Una realtà alle spalle della chiesa parrocchiale di San Policarpo, dove don Roberto era stato mandato come collaboratore. Una baraccopoli  a pochi metri dal suo impegno pastorale, che lo spinse ad approfondire la conoscenza e i bisogni di quanti ci vivevano dentro. Erano migranti provenienti dalle regioni più povere del Sud Italia, (Sicilia, Calabria, Abruzzo e Basilicata) che, a causa del loro bassissimo salario non potevano permettersi di pagare l’affitto. 
Per alcuni giorni Don Roberto frequentò il borghetto per poi decidere di fare una scelta radicale: andare a vivere con i baraccati…

Il Movimento di Impegno Educativo di Azione Cattolica ha avuto il dono della sua parola e della sua testimonianza in più occasioni.
Vogliamo ricordarlo riportando l’intervista sulla scuola che, nel giugno del 2015, ha rilasciato a Mirella Arcamone e il testo del suo intervento al Congresso del Mieac (Assisi 21 al 24 Luglio 2011) sul tema: «Vivere oggi: le nuove declinazioni della responsabilità e dell’etica»

Intervista, prima parte – Intervista, seconda parte – Intervista, terza parte

Relazione: “Vivere oggi: le nuove declinazioni della responsabilità e dell’etica”.doc 

Facebooktwittergoogle_plus

Stampa Articolo Stampa Articolo