“Giorno della memoria per le vittime del terrorismo”

image_pdfimage_print

aldo moroCon la legge n. 56 del 4 maggio 2007, il Parlamento Italiano ha riconosciuto il 9 maggio, anniversario dell’uccisione di Aldo Moro, quale “Giorno della memoria”, al fine di ricordare tutte le vittime del terrorismo, interno ed internazionale, e delle stragi di tale matrice. La legge prevede che “in occasione del Giorno della memoria, possono essere organizzate manifestazioni pubbliche, cerimonie, incontri, momenti comuni di ricordo dei fatti e di riflessione anche nelle scuole di ogni ordine e grado al fine di conservare, rinnovare e costruire una memoria storica condivisa in difesa delle istituzioni democratiche”.
Scriveva al Parlamento il Presidente Giorgio Napolitano all’indomani dell’approvazione della legge:”L’istituzione della giornata della memoria delle vittime del terrorismo colma un vuoto di memoria storica e di attenzione umana e civile che molti di voi avevano dolorosamente avvertito”.
Nel 41° anniversario della tragica morte di Aldo Moro, ricordiamo la figura di questo grande statista, assieme alle vittime del terrorismo, perché la memoria degli anni di piombo renda tutti vigili custodi della legalità democratica e dei valori costituzionali, costruttori del bene comune per una società più giusta e solidale.
Vogliamo ricordare questo momento della nostra storia con la Preghiera pronunciata da Paolo VI, durante le esequie dell’on. Aldo Moro in San Giovanni in Laterano, il 13 maggio 1978.

(Franco Venturella)

Facebooktwittergoogle_plus

Stampa Articolo Stampa Articolo