Il MIEAC di Reggio Calabria ricorda Antonia Giustra

Ultimamente è venuta a mancare la prof.ssa Antonia Giustra. Apprezzata docente di Matematica e Scienze, ha insegnato per circa quarant’anni, la maggior parte dei quali nel paese nativo di Pellaro, dove ha chiuso la sua esperienza lavorativa. Si è distinta per le ottime doti eduvative, che facevano di lei una persona speciale. Intere generazioni di Pellaresi devono a lei le solide basi scientifiche. La prof.ssa Giustra ha curato altresì anche e starei per dire soprattutto la dimensione educativa dei suoi numerosi alunni. A suo dire le due realtà di cultura ed educazione andavano di pari passo. Educare per lei significava tirare il meglio da ogni allievo, per farlo diventare una persona colta, seria, impegnata su piano sociale, onesta e moralmente sana.
Altri due settori si devono evidenziare del suo vivere. Cresciuta in una famiglia cristiana, ne ha assimilato i principi da cui non si è mai discostata. Nubile, è vissuta sempre con i genitori e i fratelli, che ha amorevolmente assistito fino alla fine. La loro memoria non l’ha mai lasciata e spesso nei nostri incontri rievocava episodi o insegnamenti sapienziali. Vissuta nella piccola frazione di san Leo (RC), anche quando era rimasta singola, la sua casa è stata meta di continue visite da parte dei vicini sia per chiedere consigli, avere lezioni private, suggerimenti, indirizzi, sia per ricevere compagnia soprattuto nell’ultimo periodo, quando le forze incominciavano a venire meno.
Ha dato prova di una forza di volontà indomita fino alla fine. Ad esempio, quando non ce l’ha fatta più a guidare, per parteciare alle riunioni o ai convegni trovava facilmente qualcuno che la aiutasse, che spesso era la famiglia Minniti, i cui legami sono stati veramente unici. Un solo particolare. La figlia in viaggio di nozze si è fatto un dovere di andare a trovarla nella casa di riposo, dove ha trascorso l’ultimo periodo di sua vita, quando non è stata più autosufficiente. Domanda: quante ragazze avrebbero avuto questa sensibilità a includere in un viaggio così particolare la visita ad una persona ricoverata? Antonia Giustra ha raccolto quello che aveva seminato!
Molto si dovrebbe parlare del suo impegno in ambito ecclesiale. La sua disponibilità era proverbiale. Era un fatto notorio che si poteva fare affidamento su di lei per qualunque necessità. É stata sempre assidua alle celebrazioni religiose nella sua bella chiesa di San Leo di Pellaro, stando vicina ai numerosi parroci che si sono succeduti. Nei vari organismi parrocchiali ha rivestito molte cariche che per lei erano soprattutto impegni.

Stampa Articolo Stampa Articolo
Categories: