Domenica di Pasqua

Riflessioni sul Vangelo della domenica, a cura di don Gino Giuffré e don Francesco Machì

image_pdfimage_print

Domenica di Pasqua
Gv 20,1-9

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

________________________________________

La tua Pasqua di morte e risurrezione, Gesù, sia il cardine di ogni mio giorno:

la luce del nuovo mattino mi susciti il ringraziamento per la tua luce di vita nuova;

gli eventi del giorno mi provochino l’invocazione per i fratelli e mi spingano a ricordare e a condividere sempre un po’ di più la tua passione e la tua offerta nell’attesa operosa del tuo ritorno nella gloria;

il cadere della sera mi ricordi che «senza di te non posso far nulla» e mi guidi ad abbandonarmi a te in piena confidenza.

In ogni avvenimento, pensiero, gesto, scelta io possa cercarti e trovarti vivente e operoso, sorprendente e conosciuto, ricordando la tua Parola che feconda la mia storia e la rende nuova perché tu vivi.

Don Francesco Machì

 

Facebooktwittergoogle_plus

Stampa Articolo Stampa Articolo