In Primo Piano

Rosario Livatino, martire della giustizia e della fede

(Matteo Scirè) – Il suo sacrificio rappresenta una testimonianza esemplare di amore per Dio e per l’uomo. Nel corso della sua breve, ma intensa esistenza dimostrò grande coraggio e senso del dovere. In una realtà ad alta densità mafiosa e piena di connivenze, Livatino non girò mai la testa. Le sue inchieste svelarono i traffici e gli interessi della mafia agrigentina, la stidda, e la rete di collusioni tra boss, politici e imprenditori. Spesso agì in solitudine, nell’indifferenza della società civile, la complicità tra molti settori dell’economia e della politica e la barbarie criminale che quasi ogni giorno uccideva magistrati e uomini delle forze dell’ordine.