2007-2008

image_pdfimage_print

LINEE PROGRAMMATICHE 2007 – 2008

“RADICATI NEL PRESENTE… RESPONSABILI DEL FUTURO”

 

È questo il tema dell’itinerario 2007-2008, che il Movimento di Impegno Educativo propone ai suoi aderenti e a quanti hanno a cuore l’educazione (vedi Sussidio.pdf). Un cammino comune di ricerca per potenziare le proprie capacità di lettura del tempo presente e di progettazione, per migliorare le proprie competenze socio-affettive, per acquisire nuove capacità comunicative-relazionali ed esprimere in tal modo un impegno, un’energia, una passione per le persone, per questo tratto di storia e di umanità che ci è donato di incontrare.

Dare, a partire dalla realtà territoriale in cui si è radicati, un’interpretazione delle esigenze, delle domande che nascono dai giovani e interpellano gli adulti e costruire un futuro segnato da nuove relazioni di comunità, in cui responsabilità, solidarietà, partecipazione declinino nel quotidiano il contributo di ciascuno al bene comune.

Uno strumento privilegiato è rappresentato dal progetto Educapolis ,attraverso il quale è possibile un impegno concreto nella vita delle comunità come luogo della crescita e della convivenza solidale, dell’incontro tra le generazioni e le culture, come luogo della democrazia sostanziale, nella quale sono fondamentali il dibattito, la discussione pubblica, la trasparenza e la condivisione delle decisioni.
Un lavoro in rete, aperto a tutti gli educatori, ai giovani e agli adulti anche non credenti, con i quali ricercare una lettura sapiente, scientificamente significativa, dei bisogni educativi (delle giovani generazioni e degli adulti che li accompagnano) nel tempo della complessità, cercandovi le opportunità di crescita per le persone e per la convivenza umana (i segni dei tempi).

Un percorso scandito da itinerari di spiritualità, con apposite meditazioni e celebrazioni nei tempi forti dell’anno liturgico (vedi Sussidio spiritualità.pdf), perché centrati e radicati su Gesù da lui si possa imparare un amore appassionato per la storia dell’uomo (nel mondo), ma senza assecondarne la mentalità, da stranieri (non del mondo).

Compagno di strada, don Milani : maestro a tempo pieno di chi “non è portato”, prete per tutto l’uomo e per tutti gli uomini, per l’emancipazione e l’affermazione dei diritti degli ultimi fra gli ultimi.